Instituto Planet: come funziona il nostro braccio sociale in Brasile | Planet Smart City | Places that matter
Related content
8/05/2020 Instituto Planet: come funziona il nostro braccio sociale in Brasile

Dalla sua fondazione nel 2016, l’Instituto Planet ha beneficato più di 10.000 persone, offrendo corsi gratuiti, cinema e biblioteca nelle regioni che non dispongono di queste risorse. 

“L’educazione non trasforma il mondo. L’educazione cambia le persone. Le persone cambiano il mondo”.

La frase di Paulo Freire, educatore e filosofo brasiliano, considerato uno dei principali pensatori della pedagogia mondiale, riflette il ruolo principale dell’Instituto Planet: dare ai cittadini la possibilità di trasformare la convivenza nei quartieri e nelle città sviluppate da Planet Smart City, rendendoli luoghi ricchi di scambio, apprendimento e miglioramento socio-economico.

A tal fine, l’Instituto mira a generare un impatto sociale positivo coinvolgendo gli abitanti delle città costruite da Planet e delle zone circostanti, nella creazione di un ambiente urbano ricco di opportunità di crescita per le persone.

Come funziona?

Fondato nel 2016, l’Instituto è un’istituzione senza scopo di lucro, creata per facilitare l’integrazione dei residenti e della popolazione circostante nei nostri progetti; ad oggi si calcola che sia entrato a far parte della vita di circa 10.000 persone, tra cui bambini, giovani e adulti. Le attività sono tutte gratuite. Il programma è strutturato intorno a quattro aree chiave: Educazione, Arte e Cultura, Inclusione Sociale ed Economia Collaborativa e Sport.

Nelle nostre smart city del Brasile, l’Instituto offre spazi gratuiti e permanenti aperti alla popolazione, come la biblioteca, il cinema, il laboratorio di cucito, la biblioteca degli oggetti e promuove corsi di informatica, inglese, imprenditorialità e artigianato. Organizza inoltre azioni specifiche, come il Social Action Day, che nel luglio 2019 ha riunito circa 300 persone a Smart City Laguna, offrendo una mattinata di servizi gratuiti, come ad esempio il taglio di capelli, la tenda della salute con valutazione fisica, la misurazione della glicemia e della pressione, laboratori artigianali e giochi ricreativi per bambini e adolescenti.

Tutti gli spazi e le attività sono gratuiti e aperti ai residenti delle smart city e al pubblico della regione circostante, con l’obiettivo di sviluppare il senso di collaborazione e di appartenenza.

La biblioteca, ad esempio, incentiva la lettura, facilita l’accesso all’istruzione e stimola la creatività. Attualmente, la biblioteca di Smart City Laguna conta più di 200 lettori registrati e una collezione di oltre 1.200 libri di ricerca, informazione, narrativa e didattica. Per prendere in prestito un libro, basta fare una tessera gratuita all’Hub, scegliere un testo e volare nel mondo della lettura.

Il cinema di Laguna ha una programmazione settimanale. Le proiezioni si svolgono il sabato e sono aperte anche a gruppi o scuole, su appuntamento telefonico o via e-mail. Lo spazio dispone di comode poltrone, film in HD e serie Netflix, dal 2017 abbiamo accolto più di 600 spettatori. Si tratta di film di vario genere come ad esempio: azione, avventura, documentari, animazione e commedie. 

Ogni semestre partono nuovi corsi di informatica, inglese, imprenditorialità e artigianato. A Laguna, l’Instituto Planet ha attrezzato un laboratorio informatico con 10 computer collegati a Internet per offrire formazione ai giovani della regione di São Gonçalo do Amarante (Ceará). I corsi hanno un formato modulare e affrontano varie tematiche, per un pubblico con conoscenze e interessi diversi. In questi anni ne hanno usufruito più di 400 persone nel Ceará e nel Rio Grande do Norte.

La biblioteca, il cinema e i corsi sono grandi strumenti di inclusione sociale, poiché la popolazione della regione circostante non potrebbe avere diversamente accesso a questo tipo di servizi gratuiti: nel comune non vengono organizzati corsi di inglese gratuiti; la biblioteca pubblica più vicina si trova a 25 km di distanza e nella regione non ci sono cinema o proiezioni di film gratuiti.

Sostenere l’imprenditorialità femminile

L’Instituto, centro di formazione del programma Ela Pode, dell’Instituto Rede Mulher Empreendedora, con il supporto di Google, mira a generare opportunità di qualificazione e sviluppo economico per la regione e per i residenti delle smart city.

La formazione si svolge in collaborazione con ONG, associazioni, uffici comunali e scuole. Possono partecipare al programma le donne a partire dai 16 anni e grazie a Ela Pode tra il 2019 e il 2020, hanno potuto partecipare già 225 donne.

Una di loro è Maria Monteiro, 38 anni, residente a Massaranduba, un quartiere vicino a Smart City Natal. Era disoccupata e grazie ad un corso di artigianato offerto dall’Instituto Planet  ha avuto la possibilità di ricominciare da capo e oggi contribuisce al sostegno della sua famiglia grazie alla vendita degli accessori che lei stessa realizza con paglia carnauba e fuxico.

Senza un lavoro fisso dal 2014 e con una grande passione per il cucito e l’artigianato, Maria ha messo sui social network alcune borse prodotte con la tecnica appresa durante i corsi e così ha ricevuto i primi ordini. Oltre alle borse, Maria produce anche sottopiatti e tappeti. Maria Monteiro vuole continuare a proporsi come artigiana dei prodotti regionali e intende partecipare al corso di inglese promosso sempre dall’Instituto Planet per poter vendere direttamente ai turisti le sue creazioni.

Le persone al centro di tutto

In tutto il mondo, le città sono in crescente sviluppo. Con l’aiuto della tecnologia, possiamo vedere innumerevoli cambiamenti nei servizi forniti e il loro impatto sulla vita quotidiana delle persone. Le nostre smart city sono quelle che offrono non solo efficienza nei servizi forniti, ma una maggiore qualità di vita per le persone. Come? Mettendo le persone al centro di tutto.

Quando un residente partecipa attivamente alle iniziative sociali, alla manutenzione e allo sviluppo della città, si genera un sentimento di appartenenza che lo rende responsabile del funzionamento efficiente. Lo stesso accade con i residenti locali che partecipano alle nostre attività: aiutano a prendersi cura e a proteggere la loro città, aumentandone anche la sicurezza.

L’economia collaborativa cerca di condividere idee e servizi, di sviluppare l’inclusione sociale e di rendere le persone sempre più coinvolte nelle attività della città. E in questo l’Instituto Planet svolge un ruolo fondamentale.

Incoraggiare i sogni

Una semplice visita scolastica nelle smart city può risvegliare i sogni dei bambini. L’Innovation Hub, un importante strumento di innovazione sociale, mettendo le persone al centro, permette di scoprire nuovi mondi e di accedere a spazi non sempre alla portata di tutti, come una biblioteca o un cinema.

Esplorare il nuovo e poterlo “toccare” ci dimostra che siamo in grado di andare oltre alla realtà che conosciamo. Quando un bambino legge un libro nella nostra biblioteca o guarda un film nel nostro cinema, si rende conto che è capace di sognare ad alta voce, che è possibile essere quello che vuole e che il mondo può essere migliore. Non si deve mai distruggere l’entusiasmo di un bambino che si crede il supereroe della propria storia.

Ogni giorno vado a dormire con nuovi sogni e mi sveglio pianificando i modi per realizzarli. Per me, sognare è la base della propria felicità. Molte volte le persone perdono questa capacità o crescono pensando di non avere il diritto di sognare. Voglio che l’Instituto Planet aiuti le persone a sognare e, cosa più importante, voglio che fornisca i mezzi per far sì che le persone realizzino i loro sogni.


Susanna Marchionni

CEO di Planet Smart City in Brazil e President di Planet Institute